Discussione:
una cosa buona garantiva la pubblica amministrazione...
(troppo vecchio per rispondere)
GiuseppeDini
2015-01-20 08:03:46 UTC
Permalink
Adesso taglieranno anche quella.
Fino ad ora ai dipendenti della PA era offerta gratuitamente una
casella di pseudo-PEC per comunicazioni ufficiali e certificabili con
la PA.
Evidentemente si sono accorti che i costi erano ecessivi e la
toglieranno.
La notizia buona è che (forse), se te la paghi tu la PEC, potrai
continuare a mandare posta certificata.
Amesso che non la taglieranno anche a coloro che la possono ricevere.
Però il danno credo che ci sarebbe comunque nelle comunicazioni nella
direzione opposta, cioè tra PA e dipendenti.
Come fai a rendere standard la prassi di inviare posta certificata se
qualcuno ha la casella, qualcuno no?
E poi siamo sicuri che per lo stato sia più economico tornare ad
inviare raccomandate a (quasi) tutti?
Sarà che sto diventando più vecchio e più acido, ma ogni giorno sono
sempre più schifato.


Questa è la mail che mi hanno mandato:


COMUNICAZIONE DI GRADUALE SOSPENSIONE CEC-PAC

Si avvisa la gentile utenza che il servizio di Postacertificat@
(CEC-PAC), dedicato esclusivamente alle comunicazioni tra cittadini e
pubblica amministrazione, sarà progressivamente sospeso per far
convergere tutte le comunicazioni di posta certificata su sistemi di
PEC standard, abitualmente utilizzati nelle comunicazioni tra
cittadini, professionisti e imprese.

La sospensione del servizio osserverà la seguente tempistica:

1) dal 18 dicembre 2014 non sono più rilasciate nuove caselle CEC-PAC a
cittadini e pubbliche amministrazioni, ivi incluse le caselle per le
quali la richiesta di attivazione online è stata presentata in data
antecedente, ma per le quali non si è ancora proceduto all'attivazione
presso gli uffici postali;

2) dal 18 marzo 2015 al 17 luglio 2015 le caselle saranno mantenute
attive solo in modalità di ricezione e sarà consentito agli utenti
l'accesso alle stesse solo ai fini della consultazione e del
salvataggio dei messaggi ricevuti;

3) dal 18 luglio 2015 le caselle non saranno più abilitate alla
ricezione di messaggi e l'accesso alle stesse sarà consentito, sino al
17 settembre 2015, solo ai fini della consultazione e del salvataggio
dei messaggi ricevuti; dal 18 settembre sarà definitivamente inibito
l'accesso alla propria caselle;

4) dal 18 settembre 2015 al 17 marzo 2018, sarà garantita agli utenti
del servizio CEC-PAC la possibilità di richiedere l'accesso ai log dei
propri messaggi di posta elettronica certificata.

Dal 18 marzo 2015, tutti gli utenti CEC-PAC potranno richiedere una
casella PEC, gratuita per un anno, inviando un'e-mail all'indirizzo
***@agid.gov.it.

Con altra PEC, vi saranno inviate le semplici istruzioni per eseguire
il salvataggio dei messaggi presenti nella vostra casella di Posta
Certificata.
--
Giuseppe
Bruno Van Dyck
2015-01-20 08:58:43 UTC
Permalink
martedì 20/01/2015 09:03:46 GiuseppeDini in
Post by GiuseppeDini
Adesso taglieranno anche quella.
Fino ad ora ai dipendenti della PA era offerta gratuitamente una casella di
pseudo-PEC per comunicazioni ufficiali e certificabili con la PA.
Già è un bizantinismo burocratico tutto italiano la PEC (altra cosa per
cui raccogliamo ammirazione all'estero), ma la CEC-PAC è stata sempre una
evidente cazzata voluta da Brunetta per fare un favore alle Poste coi
soldi nostri e perché probabilmente per lui 'rivoluzione informatica'
voleva dire poter mandare le multe ai contribuenti via email. E' costata
uno sproposito per un risultato nullo, un vero aborto. Dovevano chiuderla
immediatamente, appena visto che i cittadini (non solo dipendenti PA) non
abboccavano.
--
#201815
SydneyBlue120d
2015-01-20 10:20:28 UTC
Permalink
Post by Bruno Van Dyck
Già è un bizantinismo burocratico tutto italiano la PEC (altra cosa per
cui raccogliamo ammirazione all'estero), ma la CEC-PAC è stata sempre
una evidente cazzata voluta da Brunetta per fare un favore alle Poste
coi soldi nostri e perché probabilmente per lui 'rivoluzione
informatica' voleva dire poter mandare le multe ai contribuenti via
email. E' costata uno sproposito per un risultato nullo, un vero aborto.
Dovevano chiuderla immediatamente, appena visto che i cittadini (non
solo dipendenti PA) non abboccavano.
Quotissimoh.
--
Micro Guida al Cinema Digitale: http://goo.gl/n7H4z
Roberto Rosoni
2015-01-20 12:47:48 UTC
Permalink
Probabilmente perché proprio non aveva niente di meglio da fare, Bruno
Van Dyck, il Tue, 20 Jan 2015 09:58:43 +0100, ha scritto in it.media.tv
a proposito di "Re: una cosa buona garantiva la pubblica
Post by Bruno Van Dyck
martedì 20/01/2015 09:03:46 GiuseppeDini in
Post by GiuseppeDini
Adesso taglieranno anche quella.
Fino ad ora ai dipendenti della PA era offerta gratuitamente una casella di
pseudo-PEC per comunicazioni ufficiali e certificabili con la PA.
Già è un bizantinismo burocratico tutto italiano la PEC
Perché? A parte che "tutto italiano" si può dire anche della Ferrari e
del culatello, quindi non capisco la ragione dell'uso dispregiativo.

Ma poi, cosa c'è di male in un protocollo che ti dà lo stesso servizio e
valore della raccomandata AR, con anzi la validazione anche del
contenuto della busta?

O la coda in posta allo sportello raccomandate è stata rivalutata in
"momento di aggregazione sociale"?
--
Roberto Rosoni
Bruno Van Dyck
2015-01-20 16:46:56 UTC
Permalink
martedì 20/01/2015 13:47:48 Roberto Rosoni in
Post by Roberto Rosoni
Post by Bruno Van Dyck
Già è un bizantinismo burocratico tutto italiano la PEC
Perché? A parte che "tutto italiano" si può dire anche della Ferrari e
del culatello, quindi non capisco la ragione dell'uso dispregiativo.
Siamo invidiati all'estero per la qualità, efficienza, razionalità,
semplicità della nostra burocrazia e normativa?
Post by Roberto Rosoni
Ma poi, cosa c'è di male in un protocollo che ti dà lo stesso servizio e
valore della raccomandata AR, con anzi la validazione anche del
contenuto della busta?
A tutto il resto del mondo gli basta utilizzare le tecnologie su cui si
appoggia anche la PEC: S/MIME e l'header Return-Receipt-To valorizzato.
https://it.wikipedia.org/wiki/S/MIME
https://tools.ietf.org/html/rfc6533

Ah già, purtroppo ottengono lo stesso risultato gratis.
--
#201815
Giovannino
2015-01-20 19:51:26 UTC
Permalink
Post by Bruno Van Dyck
A tutto il resto del mondo gli basta utilizzare le tecnologie su cui si
appoggia anche la PEC: S/MIME e l'header Return-Receipt-To valorizzato.
sarebbe, per il cittadino medio, il "chiedi conferma di lettura"?
Se è così, come si fa a impedire al destinatario di leggere la mail SENZA inviare la conferma di lettura, cosa che mi risulta possibile, o peggio ancora, visto l'indirizzo del mittente, decidere di non aprirla proprio?
Nella raccomandata, se il destinatario vive effettivamente all'indirizzo che risulta al mittente, non scappa: se c'è, il postino gli dà la raccomandata (o se non la vuole prendere, lascia l'avviso di deposito), se non c'è, gli lascia l'avviso di deposito e dopo 10 giorni se non è andato a ritirarla alle poste, la notifica si considera comunque andata a buon fine con tutte le conseguenze legali del caso.
Come fai a costringere con la mail il privato a ritirarla entro 10 giornI? La mail non è univoca come la residenza, e nessuno è tenuto a guardarla ogni giorno e ad aprire tutti i messaggi che arrivano...
Loreto van de Velde
2015-01-20 20:21:28 UTC
Permalink
Post by Giovannino
Come fai a costringere con la mail il privato a ritirarla entro 10
giornI? La mail non è univoca come la residenza, e nessuno è tenuto a
guardarla ogni giorno e ad aprire tutti i messaggi che arrivano...
Dalla mia esperienza con le PA per le mail di posta certificata si
considera l'invio. Se non le leggi sono c... tuoi.
--
olé!
Giovannino
2015-01-20 20:44:05 UTC
Permalink
Post by Loreto van de Velde
Post by Giovannino
Come fai a costringere con la mail il privato a ritirarla entro 10
giornI? La mail non è univoca come la residenza, e nessuno è tenuto a
guardarla ogni giorno e ad aprire tutti i messaggi che arrivano...
Dalla mia esperienza con le PA
da privato cittadino, o da professionista? Perchè la cosa è un po' diversa.
Loreto van de Velde
2015-01-20 20:47:36 UTC
Permalink
Post by Giovannino
Post by Loreto van de Velde
Dalla mia esperienza con le PA
da privato cittadino, o da professionista? Perchè la cosa è un po' diversa.
Entrambe le cose.
--
olé!
Roberto Rosoni
2015-01-20 21:32:38 UTC
Permalink
Probabilmente perché proprio non aveva niente di meglio da fare,
Giovannino, il Tue, 20 Jan 2015 12:44:05 -0800 (PST), ha scritto in
it.media.tv a proposito di "Re: una cosa buona garantiva la pubblica
Post by Giovannino
Post by Loreto van de Velde
Post by Giovannino
Come fai a costringere con la mail il privato a ritirarla entro 10
giornI? La mail non è univoca come la residenza, e nessuno è tenuto a
guardarla ogni giorno e ad aprire tutti i messaggi che arrivano...
Dalla mia esperienza con le PA
da privato cittadino, o da professionista? Perchè la cosa è un po' diversa.
Anche i privati. Prova a non ritirare una multa o una cartella e vedi se
non la paghi perchè "non l'hai ricevuta". Una volta che ti hanno
lasciato l'avviso in casella, l'atto si considera consegnato.
--
Roberto Rosoni
Barone Cicala
2015-01-21 00:23:27 UTC
Permalink
Quoto, tral altro la pec obbligatoria e' semplicemente na trappola ordita da equitalia.
Giovannino
2015-01-21 13:17:23 UTC
Permalink
Post by Roberto Rosoni
Probabilmente perché proprio non aveva niente di meglio da fare,
Giovannino, il Tue, 20 Jan 2015 12:44:05 -0800 (PST), ha scritto in
it.media.tv a proposito di "Re: una cosa buona garantiva la pubblica
Post by Giovannino
Post by Loreto van de Velde
Post by Giovannino
Come fai a costringere con la mail il privato a ritirarla entro 10
giornI? La mail non è univoca come la residenza, e nessuno è tenuto a
guardarla ogni giorno e ad aprire tutti i messaggi che arrivano...
Dalla mia esperienza con le PA
da privato cittadino, o da professionista? Perchè la cosa è un po' diversa.
Anche i privati. Prova a non ritirare una multa o una cartella e vedi se
non la paghi perchè "non l'hai ricevuta". Una volta che ti hanno
lasciato l'avviso in casella, l'atto si considera consegnato.
da quando ogni cittadino ha l'obbligo legale di avere la PEC?
Roberto Rosoni
2015-01-21 13:24:46 UTC
Permalink
Probabilmente perché proprio non aveva niente di meglio da fare,
Giovannino, il Wed, 21 Jan 2015 05:17:23 -0800 (PST), ha scritto in
it.media.tv a proposito di "Re: una cosa buona garantiva la pubblica
Post by Giovannino
Post by Roberto Rosoni
Probabilmente perché proprio non aveva niente di meglio da fare,
Giovannino, il Tue, 20 Jan 2015 12:44:05 -0800 (PST), ha scritto in
it.media.tv a proposito di "Re: una cosa buona garantiva la pubblica
Post by Giovannino
Post by Loreto van de Velde
Post by Giovannino
Come fai a costringere con la mail il privato a ritirarla entro 10
giornI? La mail non è univoca come la residenza, e nessuno è tenuto a
guardarla ogni giorno e ad aprire tutti i messaggi che arrivano...
Dalla mia esperienza con le PA
da privato cittadino, o da professionista? Perchè la cosa è un po' diversa.
Anche i privati. Prova a non ritirare una multa o una cartella e vedi se
non la paghi perchè "non l'hai ricevuta". Una volta che ti hanno
lasciato l'avviso in casella, l'atto si considera consegnato.
da quando ogni cittadino ha l'obbligo legale di avere la PEC?
Mi sono spiegato male. Intendevo dire che anche con la posta
raccomandata gli atti si intendono consegnati una volta che la cartolina
di avviso di giacenza è stata messa nella tua buca, e cazzi tuoi se non
vai a ritirarla all'ufficio postale.
--
Roberto Rosoni
Giovannino
2015-01-21 21:19:26 UTC
Permalink
Post by Roberto Rosoni
Probabilmente perché proprio non aveva niente di meglio da fare,
Giovannino, il Wed, 21 Jan 2015 05:17:23 -0800 (PST), ha scritto in
it.media.tv a proposito di "Re: una cosa buona garantiva la pubblica
Post by Giovannino
Post by Roberto Rosoni
Probabilmente perché proprio non aveva niente di meglio da fare,
Giovannino, il Tue, 20 Jan 2015 12:44:05 -0800 (PST), ha scritto in
it.media.tv a proposito di "Re: una cosa buona garantiva la pubblica
Post by Giovannino
Post by Loreto van de Velde
Post by Giovannino
Come fai a costringere con la mail il privato a ritirarla entro 10
giornI? La mail non è univoca come la residenza, e nessuno è tenuto a
guardarla ogni giorno e ad aprire tutti i messaggi che arrivano...
Dalla mia esperienza con le PA
da privato cittadino, o da professionista? Perchè la cosa è un po' diversa.
Anche i privati. Prova a non ritirare una multa o una cartella e vedi se
non la paghi perchè "non l'hai ricevuta". Una volta che ti hanno
lasciato l'avviso in casella, l'atto si considera consegnato.
da quando ogni cittadino ha l'obbligo legale di avere la PEC?
Mi sono spiegato male. Intendevo dire che anche con la posta
raccomandata gli atti si intendono consegnati una volta che la cartolina
di avviso di giacenza è stata messa nella tua buca, e cazzi tuoi se non
vai a ritirarla all'ufficio postale.
ma infatti il mio problema è come si fa ad ottenere lo stesso risultato con la PEC. Una residenza per legge ce l'hanno tutti (ok, teoricamente si può essere senza fissa dimora, ma sono pochissimi), ma non puoi costringere tutti
1) ad avere una PEC
2)ad avere un computer o uno smartufone (cit) e la connessione internet per vederla
3) a farlo tutti i giorni